“Women and Social Movements, International – 1840 to present” free fino a fine mese

In occasione della Festa della Donna e delle celebrazioni che vedono marzo come il Women’s History Month, Licosa e Alexander Street Press sono lieti di offrire a tutti gli interessati l’accesso libero, fino a fine mese, a “Women and Social Movements, International – 1840 to present”. 

Per accedere alla risorsa cliccare qui <http://alexanderstreet.com/WOMHIST2012>.

Per ulteriori informazioni cliccare qui<http://alexanderstreet.com/products/women-and-social-movements-international>.

“Women and Social Movements, International – 1840 to present” e’ una monumentale opera, a cura di un comitato editoriale formato da 130 fra i più autorevoli studiosi a livello internazionale, che raccoglie materiali provenienti da oltre 300 archivi, riuniti in un’unica collezione e resi ricercabili simultaneamente per la prima volta: si tratta degli scritti di attiviste, dei loro diari personali, dei rendiconti e dei documenti inerenti gli incontri di decine di movimenti e di organizzazioni per la liberazione e l’affermazione della donna a partire dal 1840, per un totale di oltre 150.000 pagine. Le attività dei movimenti si sono focalizzate negli anni sui temi piu’ attuali di ogni epoca, quali la pace, il lavoro minorile, la povertà, l’eguaglianza sociale, la prevenzione dei disagi ecc.: i documenti raccolti testimoniano con chiarezza l’importanza ed il fondamentale contributo dei movimenti sociali femminili a tutti gli eventi più rilevanti della storia moderna e contemporanea. Gli studiosi avranno accesso a materiali che documentano come ebbero vita e come si sono sviluppati i piu’ importanti movimenti del XIX e XX secolo: League of Nations, International Planned Parenthood Federation, Inter-American Commission on Women / Comisión Interamericana de Mujeres, African American Institute / Women’s Africa Committee, International Council of Jewish Women e altri ancora. Non mancano gli atti di convegni recenti, quali la Casablanca Dream conference del 2007 o “Beijing + 15”, che nel 2010 ha verificato l’attuazione degli impegni presi dalla Beijing Platform del 1995. Circa il 75% del materiale è coperto da copyright detenuto dagli stessi movimenti, da archivi privati o da case editrici, mentre oltre 30.000 pagine sono relative a manoscritti ed altri materiali pubblicati per la prima volta.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: